Notizie - Regate, Primaverile

Signori SI PARTE

04 febbraio 2011 - ore 03,18
quadro
Dopo il meritato riposo del dopo autunnale e la pausa natalizia, con i primi botti di capo d’anno e la sostituzione dei vari calendari che penzolano al muro senza avere più niente da dirci, ci risvegliamo con la nostra realtà tra le mani, che si chiama “Veleledilevante” a cui bisogna dare risposte urgenti e precise. In verità già ci sono state alcune mosse fatte dal Comitato che in anticipo si è preoccupato di richiedere ai circoli di rinnovare l’adesione al progetto 2011 e di nominare i suoi rappresentanti. Come al solito la risposta è stata nei tempi richiesti da parte di alcuni, non ancora formulata da parte di altri. Su richiesta della V Zona Fiv. si sono dovute individuare almeno le date dei prossimi impegni per approntare il Vademecum della prossima stagione, il che significa che la prima data che ci interessa è quella del SEI Marzo con l’inizio del nostro VI Campionato VdL.

Questo significa che ci sono due mesi a disposizione per affrontare i soliti problemi: Sponsor, Bando, modifiche dello stesso, iscrizioni, suddivisione delle classi, il sempiterno problema dei certificati Orc e tutto quanto ne segue, Meteor compresi ovviamente!
Questo momento è l’occasione propizia per avanzare proposte all’interno dei propri circoli, ma ancora di più per rendersi disponibili “per fare” concretamente. Qualche idea è già nell’aria e mi auguro che si possa realizzarla in modo condiviso.
Al prossimo CO. si discuterà di tutto questo e non mancherà l’utilità di questo strumento per informarvi e rendervi partecipi del tanto lavoro che c’è sotto una apparente tranquillità.
Personalmente vi dico che alcune cose dello scorso Autunnale non mi sono piaciute per niente, e che alla fine, mi è rimasto ancora addosso un senso di amarezza e di delusione. Se questo è crescere…
Ricordo le partite di calcio all’oratorio dove un malcapitato e improvvisato arbitro fischiava un rigore discutibile, ci si incavolava di brutto, certamente, ma una volta battuto il rigore, si ricominciava a giocare e tutto finiva lì, con qualche moviola improvvisata in pizzeria. Eravamo certamente dei dilettanti, ma che bello! Che divertimento!
Specie se confrontato poi, con i professionisti del calcio, i grandi, quelli di calciopoli, del calcio scommesse, o delle partite mondiali vendute da qualche arbitro compiacente e degli scudetti scuciti dalle maglie.
L’augurio che mi sento di fare a tutti noi, all’inizio di questo nuovo anno, è di ritornare ad essere dei dilettanti felici e non dei quasi semi professionisti incavolati con tutti che si intossicano anche quando vanno in barca a vela. Buon anno a tutti e ancor di più Buon Vento a tutti. ED.

Indietro