Notizie - Autunnale

Scoglio d’Ercole, ma che fatica!

26 novembre 2012 - ore 11,07
scoglio d’Ercole 2Cielo plumbeo su di noi questa domenica mattina, nemmeno una grinza di onda sul mare stirato alla perfezione! Si vede solo un buco di sereno incoraggiante verso ponente, mentre una cappa grigia ci nasconde Ischia, Napoli e il suo litorale. Nemmeno "L'ombra del vento", per dirla alla Zafon . Lo stesso vento che in questo periodo autunnale assume quasi sempre atteggiamenti drastici: o troppo o niente! L'ultima regata è stata annullata per il forte scirocco che dal Faito si abbatteva sulla costa sottostante con folate di 25/30 nodi. Oggi solo grazie alle macumbe e ai sacrifici immolati sugli altari dagli equipaggi, sotto le mentite spoglie di panini e frittatine, ecco che solo allora "il signorino" si è deciso a presentarsi, con i suoi due/tre nodi indisponenti provenienti come sempre da ponente e che io penso si siano mossi solo "pe' curiosità"! Il CdR. che doveva fare? Gli invitati, circa quaranta, erano arrivati da tutto il levante, il campo di regata era ormai apparecchiato, non era bello dire ai convenuti "Jatevenne e case vostre - la regata è annullata". (segue)

Così, con un pò di azzardo alla prima raffichetta, giù l'intelligenza, sei minuti alla partenza e vai di segnali e di trombetta! E così dopo due ore di attesa, finalmente è andata in scena la quarta prova dedicata alla Scoglio d'Ercole, riconosciuto esperto di fatiche e prove disperate e proprio l'eroe ci ha ispirato e sostenuto durante il breve ma faticoso percorso. Che poi - da un doppio bastone da effettuare ne sia stato fatto uno solo, che cosa conta? L'importante è che la prova sia risultata valida, fa classifica e di fatto conclude questo complicato autunnale 2012 con tre prove disputate su quattro e che comunque solleva alcune riflessioni che gli organizzatori di VdL. sapranno approfondire per la prossima stagione. Comunque; tutto è stato bello lo stesso. Di questi tempi - come dice qualcuno - non è il caso di essere troppo "choosy" - Chi ama il mare lo ama sempre; con il caldo o con il freddo, quando è calmo o quando è mosso, con poco vento o con molto vento. D'altra parte come diceva il grande Eduardo "... dico vicin' a 'o viento "nun sciuscià?" Quann'ha fatt a sfucata vene 'o bello, allor' accuminciamm' a raggiunà. Arrivederci a tutti alla premiazione finale del 7 dicembre, ma di questo vi parlerò tra qualche giorno. A presto. ED.
Classifica e tempi in area download.

.


Indietro